Av Anders Osterling

AV ANDERS OSTERLING



in Stockholms Tidningen , Stoccolma

«(…)si tratta di un monologo senza fine ove il tessuto lirico ha due leitmotiv, l’amore e la morte… La sua dizione è musicale… le immagini suggestive… passano con visioni di orizzonti sfuggenti, effetti di luce misteriosi, tramonti infuocati(…) »